IL RE

VITO

KURT 

    GODEL  

SERRAO G.A.

MOLE'

clicca quì per chattare Le chiese di Polia Polia tra storia e leggenda . Polia nuova. Figure illustri di Polia e del circondario immagini di Polia Laudato ingentia rura , colito parva . Cantami o Diva del pelide Achille l'ira funesta....Le voci  di Polia  nel mondo Per non dimenticare usanze e tradizioni religiose e non La lingua e la sua origine novità a Polia ...  Piatti tipici di Polia e della Calabria e mail, comunicazioni , indirizzi utili
novità a Polia ...

SITO SU VIRGILIO

GRATIS SMS
SSITO SU YAHOO
SITO SU LYCOS.IT

 

 

 

 

            

LE ORIGINI POLIA TRA STORIA  E LEGGENDA

 

SITO IN EVOLUZIONE

SITO IN EVOLUZIONE

    

   

 

In tutto questo arco di tempo Polia perde d'importanza . Le gia' modeste risorse economiche del paese subiranno quasi con periodica scadenza le devastazioni di diversi terremoti distruttivi . La fragile economia del paese sarà costretta più volte a rinascere dalle macerie.

E' il terremoto del febbraio/marzo del 1783 a determinare la fine di Polia.

Esso si porterà via ogni cosa ! scompare la Polia greca , cosi' come per duemila anni si era preservata e nasce l'odierna Polia : un paese ( disgregato nell'animo e nelle cose ) composto da quattro  frazioni e due contrade. Il terremoto colpisce il mattino del 5 febbraio 1783 ed avrà uno sciame sismico di circa due mesi . I n Calabria si conteranno trentamila morti , in Polia 31 ( 25 a Polia e 6 a Poliolo ) ; non tanti in relazione alla gravità del sisma perché molta gente era al lavoro nei campi e perché lo sciame , se é stato distruttivo per le cose , ha però dato modo alla popolazione di prendere le precauzioni del caso .

Il paese conta , allora , minimo 2135 abitanti : abbandoneranno tutti le loro case distrutte , lasceranno Polia ( l'odierna Trecroci ) e stabiliranno i loro temporanei rifugi nelle località di Menniti/Caria e di Cellia . Ben presto , tuttavia , molti verranno avvinti dai ricordi , dagli affetti per le cose lasciate , torneranno nei luoghi abbandonati . Passata l'emergenza si formeranno quattro nuclei da cui nasceranno le odierne frazioni . Circa 600 persone torneranno nell'antica Polia , 480 si stabiliranno nella località Menniti/Caria , 1000 rimarranno a Cellia mentre 100 torneranno a Poliolo.Nasce così la Polia del dopo terremoto e nascono anche le prime diatribe sul nome da dare ai quattro villaggi : alcuni vorrebbero dare( perché il baricentro del paese si é adesso spostato )  alle nuove località sorte - Menniti e Cellia - il nome di Polia Nuova ma questo nome non ebbe presa in quanto molti  cittadini non  ne riconoscono la leggittimità . Le   600 persone tornate a Polia , privi di case e di luoghi di ritrovo , decisero di riunirsi per celebrare le funzioni religiose , - le cinque chiese distrutte - nella parte alta del paese issando a mò di riconoscimento del posto tre grandi croci d'ulivo. Da quì il luogo ove per circa 2000 anni era sita Polia finì per chiamarsi Trecroci . E con il nome di Polia , da allora, si indicò l'insieme delle quattro frazioni. continua

continua 

          

Poliphilo@polia.org    

 

  home   immagini  arco  origini  polia nuova   personaggi  spunti poetici  servizi  cucina treni